L’IMPORTANZA DELL’UMORISMO – THE IMPORTANCE OF HUMOR


Quando una persona sa usare bene l’umorismo aziona un meccanismo complesso che coinvolge la sfera biologica, emotiva, corporea, intellettuale, spirituale ed energetica: in questo caso allora l’umorismo è una cosa molto seria!

L’umorismo non serve solo a ridere o a distrarsi, serve anche per sopravvivere agli eventi negativi della vita. L’umorismo può inoltre allargare la tua capacità di comprensione, ti indirizza verso nuovi modelli di pensiero, ti rende flessibile e dà profondità alle tue riflessioni.

Infine, nella sfera privata soprattutto, è un ingrediente eccezionale nella gestione dei conflitti.

Da dove puoi cominciare a praticare l’umorismo? Comincia da te stesso!

Occorre cominciare con l’autoironia, con il distacco da te stesso. Potresti osservarti come se fossi un’altra persona e cominciare a formulare giudizi scherzosi sulle parti più rigide del tuo carattere. Occorre anche conoscere te stesso e accettarti per quello che sei.

Lavorare sul tuo umorismo vuol dire rimetterti in gioco continuamente.

L’umorismo è uno strumento per modificare il tuo modo di interpretare le cose e ti aiuta a scoprire nuovi modi di ragionamento e comportamento. Utilizzato in modo intelligente e consapevole può aiutarti nelle situazioni negative e a non cadere in depressione.

Esso quindi può avere a che fare con l’ottimismo e la positività solo nella misura in cui ti permette di staccarti da un’interpretazione troppo tragica e rigida della realtà.

Spesso l’uomo usa l’umorismo senza rendersene conto. E’ presente quasi ovunque: affettività, arte, business, didattica, educazione, giustizia, filosofia, marketing, sanità, scienza, terapia… Gli esempi di umorismo testimoniano la sua utilità sia nella comprensione delle cose che nel raggiungimento di obiettivi.

L’umorismo può essere allegro, spensierato, felice, gioioso ma anche malinconico, triste, cinico, freddo, amaro. Del resto non è detto che sia sempre positivo, di fronte a disastri climatici, terremoti, guerre, un atteggiamento ottimista sarebbe fuori luogo.

L’umorismo è , in una certa misura, anche nel mondo del lavoro: dalla gestione delle relazioni professionali nelle aziende a contatto con i clienti, alla vendita di prodotti, al marketing, al problem solving.

Nella vita privata ed affettiva l’umorismo è una delle strategie prevalenti della comunicazione interpersonale. Viene usato anche a scopo terapeutico per alcune malattie.

Gli inventori della teoria provocativa hanno cercato di isolare e definire le forme di umorismo adottate classificandole in sette tipi:

  1. esagerazione
  2. satira
  3. ridicolo (mancata consapevolezza di una persona di essere comico)
  4. deformazione delle cose
  5. sarcasmo (forma di ironia aggressiva che mira ad attaccare la persona)
  6. ironia
  7. scherzo

Avere una visione a largo raggio sull’umorismo ti aiuta a comprenderne meglio il ruolo,a non confinarlo solo ad alcuni campi ristretti di applicazione come lo spettacolo e l’intrattenimento.

Secondo te perchè un’affermazione sgradevole se detta umoristicamente viene accettata con più facilità? Questo avviene perchè:

  • creiamo complicità con l’interlocutore
  • l’emozione associata al riso si attiva prima di qualsiasi altra emozione
  • la battuta umoristica genera un senso di gratificazione sia per chi la fa e chi la riceve

Spero che da questo articolo tu possa trarne spunto per delle proficue riflessioni e sviluppare la tua creatività… ricorda che il tuo potenziale di miglioramento è infinito! 😉

THE IMPORTANCE OF HUMOR

When a person knows how to use humor well, he activates a complex mechanism that involves the biological, emotional, bodily, intellectual, spiritual and energetic spheres: in this case, then humor is a very serious thing!

Humor is not just for laughing or distracting, it is also useful for surviving negative life events. Humor can also broaden your understanding, direct you to new thinking patterns, make you flexible and give depth to your reflections.

Finally, especially in the private sphere, it is an exceptional ingredient in conflict management.

Where can you start practicing humor? Start with yourself!

You need to start with self-irony, with detachment from yourself. You may observe yourself as if you were another person and begin to make joking judgments on the more rigid parts of your character. You also need to know yourself and accept yourself for who you are.

Working on your humor means putting yourself back in the game all the time.

Humor is a tool to change the way you interpret things and helps you discover new ways of reasoning and behavior. Used intelligently and consciously, it can help you in negative situations and not to fall into depression.

It can therefore have to do with optimism and positivity only to the extent that it allows you to detach yourself from an overly tragic and rigid interpretation of reality.

Man often uses humor without realizing it. It is present almost everywhere: affectivity, art, business, teaching, education, justice, philosophy, marketing, healthcare, science, therapy … The examples of humor testify its usefulness both in understanding things and in achieving goals.

Humor can be cheerful, carefree, happy, joyful but also melancholy, sad, cynical, cold, bitter. After all, it is not always positive, in the face of climatic disasters, earthquakes, wars, an optimistic attitude would be out of place.

Humor is everywhere, to a certain extent, even in the world of work: from the management of professional relationships in companies in contact with customers, to product sales, to marketing, to problem solving.

In private and emotional life, humor is one of the prevailing strategies of interpersonal communication. It is also used for therapeutic purposes for some diseases.

The inventors of the provocative theory tried to isolate and define the forms of humor adopted by classifying them into 7 types:

  • exaggeration
  • satire
  • ridiculous (a person’s lack of awareness of being comical)
  • deformation of things
  • sarcasm (form of aggressive irony that aims to attack the person)
  • irony
  • joke

Having a wide-ranging vision of humor helps you to understand its role better, not to confine it to only a few narrow fields of application such as entertainment and entertainment.

Why do you think an unpleasant statement is accepted more easily if said humorously? This happens because:

  • we create complicity with the interlocutor
  • the emotion associated with laughter is activated before any other emotion
  • the humorous joke generates a sense of gratification for both who makes it and who receives it

I hope that from this article you can draw inspiration for useful reflections and develop your creativity… remember that your potential for improvement is unlimited! 😉

Categorie:L'automiglioramento - The Self Empowerment, Viaggi - Travel

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: